Montessori a Lucca: cresce il progetto

Metodo Montessori a Lucca: cresce ancora il progetto promosso dall’amministrazione Tambellini e dalla scuola primaria “D. Alighieri”.

Lucca è uno dei pochi comuni in Italia ad aver avviato questa innovazione in una scuola pubblica

Le classi coinvolte da due sono diventate quattro, moltiplicando quindi i bambini interessati dal progetto. Tante altre famiglie, invece, sono pronte ad adottare il percorso formativo, che utilizza il metodo sviluppato agli inizi del Novecento dall’educatrice, scienziata e una tra le prime donne medico italiane, come approccio didattico quotidiano.

Lucca è uno dei pochi comuni in Italia ad aver avviato questa innovazione in una scuola pubblica e l’intenzione dell’amministrazione Tambellini e dell’Istituto comprensivo Lucca Centro storico è di proseguire su questa strada, sollecitando altri docenti a intraprendere il percorso formativo necessario. La “rivoluzione” didattica delle quattro classi che studiano secondo i principi montessoriani è visibile a colpo d’occhio, perché qui tutto è pensato per dare risalto all’autonomia del bambino e della bambina e alla loro vera volontà e spontaneità: per questo motivo, infatti, l’impegno dell’amministrazione comunale è duplice.

Da un parte favorire e supportare la formazione degli insegnanti e la necessità di crescita dell’Istituto comprensivo, dall’altra acquistare gli arredi per le classi, strumenti indispensabili per sviluppare il metodo Montessori. Partendo dalla libertà del bambino, l’approccio educativo montessoriano si basa su due aspetti fondamentali: il ruolo dell’insegnante come abile facilitatore e l’uso di materiale specifico, all’interno di un ambiente predisposto: dalla tinteggiatura alla pavimentazione utilizzata, dagli arredi al materiale scientifico, tutto è stato studiato dalla Montessori per consentire al bambino di imparare autocorreggendosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *